TORNA A Isola d'Elba

TORNA a Weekend in Barca a Vela

TORNA a Settimana in Barca a Vela

Storia dell'Isola d'Elba


Chiamata Aethalia dai greci, che ne ricordavano l'ospitalità data a Giasone e agli Argonauti che qui ripararono la loro nave, fu nominata Ilva da Virgilio, quando racconta dei suoi prodi guerrieri che vennero in aiuto di Enea.
L'isola era abitata fin dalla preistoria, come dimostrano i numerosi resti di oltre 50.000 anni fa, quando l'isola era ancora unita alla terraferma, da cui si divise con lo scioglimento dei ghiacci. Nel neolitico vi si cercava il rame, diventando il primo insediamento di minatori della storia. Nell'ottavo secolo le miniere erano sfruttate dagli Etruschi e poi nel 300 a.C. dai Romani, che fondarono sul ferro elbano la potenza delle loro armi.

Dominio di Pisa, contesa dai Saraceni, l'isola dovette essere difesa dalle continue incursioni dei pirati. Nacquero così le torri e le fortificazioni che servirono a difendersi anche dalla vicina repubblica di Genova che impose il suo dominio, dopo la famosa battaglia della Meloria.isola d'Elba
Ci furono poi invasioni spagnole, francesi e perfino tedesche, alla ricerca, naturalmente del ferro. Nel 1803 divenne francese e nel 1814 arrivò Napoleone che, non avendo altre occupazioni, organizzò l'isola costruendo strade, potenziando le miniere e rendendo l'isola il più possibile indipendente. Dopo l'unità d'Italia fu adibita a penitenziario, mentre nei primi del '900 si installò la prima acciaieria, ma la produzione finì con i bombardamenti.

Dal dopoguerra la maggior attività di suoi abitanti è il turismo.

Valid HTML 4.01 TransitionalValid CSS